MODULISTICA UNIFICATA NAZIONALE

MODULISTICA UNIFICATA NAZIONALE

nuovi moduli edilizi unificati e standardizzati, approvati il 4 maggio e il 6 luglio 2017 in Conferenza Unificata, con Accordo tra il Governo, le Regioni e gli Enti Locali, sono stati adeguati alle normative regionali e approvati con deliberazione della Giunta regionale n. 6894 del 17 luglio 2017.

I Comuni hanno l’obbligo di adottare i moduli unificati e standardizzati approvati da Regione Lombardia e di adeguare i propri.

nuovi moduli edilizi regionali allegati alla delibera sono i seguenti:

  • Comunicazione di Inizio Lavori - CIL (Allegato 1)
  • Modulo unico da compilare a cura del titolare (Allegato 2)
  • Relazione tecnica di Asseverazione da compilare a cura del professionista (Allegato 3)
  • Soggetti coinvolti (Allegato 4)
  • Comunicazione di fine lavori (Allegato 5)
  • Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata - CILA (Allegato 6)
  • Segnalazione Certificata di Inizio Attività - SCIA (Allegato 7)
  • Segnalazione Certificata di Inizio Attività alternativa al permesso di costruire - SCIA Alternativa (Allegato 8).
  • Permesso di costruire - PdC (Allegato 9)
  • Segnalazione Certificata per l’Agibilità - SCIA per l’Agibilità (Allegato 10)

Tutti i Modelli disponibili possono essere scaricati qui: MODULISTICA EDILIZIA UNIFICATA

Con la stessa delibera sono abrogati i moduli regionali precedentemente approvati con le delibere n. 3543 dell’8 maggio 2015 (CIL, CILA), n. 4601 del 17 dicembre 2015 (Dichiarazione di Inizio Attività - DIA) e n. 5909 del 28 novembre 2016 (PdC).

Riferimenti Normativi:

B.U.R. Lombardia, serie ordinaria n. 30 del 29.07.2017, "Modulistica edilizia unificata e standardizzata: adeguamento alle normative specifiche e di settore di Regione Lombardia dei contenuti informativi dei moduli nazionali per la presentazione delle segnalazioni, comunicazioni e istanze in materia di attività edilizia" (deliberazione G.R. 17.07.2017 n. 6894).

B.U.R. Lombardia, serie ordinaria n. 30 del 24.07.2017, "Modulistica edilizia unificata e profili applicativi della disciplina edilizia" (circolare regionale 20.07.2017 n. 10).

Per approfondimenti si veda anche l'apposita pagina web della Regione Lombardia.

 

L'ORGANIZZAZIONE DEI DATI

Il modulo della SCIA

Il modulo della SCIA (compresa la SCIA alternativa al permesso di costruire) è organizzato in due sezioni: la prima è dedicata ai dati, alla segnalazione e alla dichiarazione del titolare (proprietario, affittuario etc.); la seconda parte è riservata alla relazione di asseverazione del tecnico: un percorso guidato indica tutte le possibili opzioni connesse alla realizzazione del progetto quando, contestualmente alla SCIA, è necessario presentare altre segnalazioni o comunicazioni (SCIA unica) o richiedere l’ acquisizione degli atti di assenso (SCIA condizionata). Infine una lista di controllo: il quadro riepilogativo della documentazione, che può essere essere generato “in automatico” dal sistema informativo, consente di verificare la presenza degli allegati necessari.
Questa modulistica, implementata su sistema informativo, consentirà a tecnici e cittadini di selezionare e compilare solo le opzioni di proprio interesse, creando un percorso telematico guidato e personalizzato.

I moduli della CILA e dell’Agibilità

I modulo della CILA e quello dell’agibilità sono più snelli e raccolgono in un unico documento le dichiarazioni del titolare, l’ asseverazione del tecnico e la lista di controllo (quadro riepilogativo).
Se, contestualmente alla CILA, sono necessarie altre comunicazioni, segnalazioni o autorizzazioni, i tecnici potranno compilare gli apposito campi (utilizzando le informazioni contenute nella relazione della SCIA e nella relativa lista di controllo).

Gli altri moduli

Completano il quadro il modello della comunicazione di fine lavori e quello per l’ inizio lavori per le opere dirette a soddisfare obiettive esigenze contingenti e temporanee, che vanno rimosse entro 90 giorni.

L’allegato soggetti coinvolti

Infine, vi è un allegato comune a CILA, SCIA e CIL per i “soggetti coinvolti” e cioè gli altri eventuali titolari (ad es. i comproprietari), il tecnico incaricato e il direttore dei lavori ove previsti.

LE NOVITÀ

La modulistica per i titoli abilitativi edilizi, già adottata con precedenti accordi, viene adeguata alle novità introdotte dai decreti legislativi n. 126 e n. 222 del 2016. Viene inoltre adottata la modulistica per SCIA ai fini dell’agibilitàche consentirà di eliminare i circa 150.000 certificati di agibilità che ogni anno sono rilasciati in Italia.

Tutto quello che non può più essere richiesto a cittadini e imprese

  • Non possono più essere richiesti certificati, atti e documenti che la pubblica amministrazione già possiede (per esempio i precedenti titoli abilitativi edilizi, gli atti di proprietà, la visura catastale e il DURC), ma solo gli elementi che consentano all’amministrazione di acquisirli o di effettuare i relativi controlli, anche a campione (articolo 18, legge n. 241 del 1990).
  • Non è più richiesta la presentazione delle autorizzazioni, segnalazioni e comunicazioni preliminari all’avvio dell’attività. Ci pensa lo sportello unico del Comune ad acquisirle: è sufficiente presentare una domanda(CILA o SCIA più autorizzazioni)o le altre segnalazioni/comunicazioni in allegato alla SCIA unica (CILA e SCIA più altre segnalazioni o comunicazioni). In questo modo l’Italia si adegua al principio europeo secondo cui “l’amministrazione chiede una volta sola” (“Once only”).

 

SUAP

suap.png

Lo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) è uno strumento pensato per semplificare le relazioni tra le imprese e la Pubblica Amministrazione.

Possono accedere al SUAP tutte le imprese che producono beni o servizi, comprese quelle che svolgono attività agricole, commerciali, artigianali, turistiche ed alberghiere, i servizi resi dalle banche e dagli intermediari finanziari, e quelle di telecomunicazioni.

L’imprenditore ha ora un unico interlocutore: lo sportello unico del Comune dove intende svolgere la propria attività, per qualsiasi procedimento amministrativo relativo a localizzazione, ampliamento, cessazione, riattivazione, riconversione e ristrutturazione della propria attività produttiva e dei relativi impianti.

Il SUAP avvia e segue i procedimenti amministrativi conseguenti alla richiesta dell’impresa presso tutti gli Enti coinvolti (Comune, Provincia, ASL, ARPA, Vigili del Fuoco, ecc.) senza che l’imprenditore debba rivolgersi separatamente a ciascuna delle amministrazioni.

La legge prevede che tutte le comunicazioni con il SUAP avvengano per via telematica, facendo uso della Posta elettronica certificata (PEC) e della firma digitale. Le comunicazioni d'inizio attività indirizzate agli uffici SUAP (DIA e SCIA), se contemporanee alla Comunicazione Unica (ComUnica) possono essere presentate presso la Camera di Commercio, che le inoltrerà al SUAP competente.

ACCEDI AL PORTALE

impresa1giorno.jpg

 

VALORI DELLE AREE EDIFICABILI

VALORI MINIMI DELLE AREE EDIFICABILI

Anno 2014  (DELIBERA CONSIGLIO COMUNALE N ° 18 del 16/04/2014)

Anno 2015  (DELIBERA CONSIGLIO COMUNALE N ° 30 del 22/07/2015)

Anno 2016  (DELIBERA CONSIGLIO COMUNALE N °   9 del 27/04/2016)

Anno 2017  (DELIBERA CONSIGLIO COMUNALE N ° 12 del 15/03/2017) riconferma dei valori approvati con D.C.C. n. 9/2016

CONTRIBUTO DI CONCESSIONE - ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE

COSTO DI COSTRUZIONE (Determina n. 269 del 07/12/2016)
A decorrere dal 1 gennaio 2017, ai sensi dell'articolo 16, comma 9, del dPR n. 380 del 2001 e articolo 48, commi 1 e 2, della L.R. n. 12 del 2005, l'aggiornamento del costo di costruzione, di cui alla deliberazione regionale n. 5/53844 del 31 maggio 1994, è di euro 406,05 al metro quadrato (€ 406,05/mq)

 

ONERI DI URBANIZZAZIONE (Deliberazione della Giunta Comunale n. 15 del 25/01/2012)
A decorrere dal 25 gennaio 2012, le tariffe degli oneri di urbanizzazione sono stati rivalutati dell'indice ISTAT (Comune di Classe 4.a - Abitanti: da 3.000 a 5.000), come da allegata tabella.

Allegati:

DIRITTI DI ISTRUTTORIA

DIRITTI DI ISTRUTTORIA (Deliberazione della Giunta Comunale n. 21 del 18/02/2015)
A decorrere dal 18 FEBBRAIO 2015, sono vigenti gli importi relativi all'applicazione del tariffario e dei diritti di istruttoria di competenza del settore Governo del Territorio e attività produttive, come da atti allegati.

Allegati: